Reduslim funziona davvero? La nostra recensione con pro e contro

Black pepper

Benvenuto/a su questa nostra recensione dedicata all’integratore dimagrante REDUSLIM, per il quale forse stai cercando informazioni. Oggi giorno è più che normale voler trovare un valido aiuto per perdere peso. Anche chi non si aspetta miracoli dovrebbe poter contare su un prodotto che possa contribuire a raggiungere un obiettivo che sappiamo tutti quanto sia difficile da conseguire.

reduslim funziona

Spesso sentiamo dire che con una buona alimentazione e il giusto allenamento fisico il peso ideale può essere raggiunto. Eppure non siamo tutti uguali e capita spesso di provarci e, per una o più ragioni non riuscirci, o almeno non con la facilità con cui avremmo voluto.

Ed è in questi casi che un buon integratore dimagrante ci può essere di aiuto. Ci può venire in aiuto REDUSLIM? È esattamente quello di cui ti vogliamo parlare oggi, quindi iniziamo la nostra recensione andando a fondo e analizzando pro, contro, benefici ed eventuali false promesse di questo prodotto.

Cos’è REDUSLIM esattamente?

Iniziamo dalle basi. Prima di capire il funzionamento, l’efficacia e gli eventuali effetti collaterali di un prodotto, la migliore cosa è conoscere di cosa si tratta esattamente. REDUSLIM è un integratore alimentare che contiene solo ingredienti naturali. Attenzione però, questo non vuol dire che sia sicuramente benefico o efficace al 100%. Vediamo in dettaglio la sua composizione:

  • Caffeina anidra. È il primo ingrediente che troviamo in questo integratore dietetico e, nonostante l’insolito nome, non è altro che caffeina ‘disidratata’ (senza acqua). Questo tipo di caffeina viene assorbito più rapidamente della caffeina che tutti conosciamo e i suoi effetti possono essere avvertiti entro pochi minuti dall’assunzione. Oltre a dare energia (è utilizzata moltissimo dagli sportivi) e a bruciare i grassi, aiuta a sentire meno la fame.
  • Estratto di tè verde. Ne hai sicuramente già sentito parlare. Le proprietà antiossidanti del tè verde sono note per tutta la salute in generale, ma soprattutto per chi vuole perdere peso. Sembra infatti capace di stimolare la lipolisi, il processo metabolico che fa ‘sciogliere’ i grassi.
  • Pepe nero. Il pepe nero è una spezia ricca di vitamine e minerali. La piperina, che è il suo alcaloide capace di dargli il sapore piccante, ha molteplici proprietà. Per il dimagrimento, questo ingrediente viene utilizzato grazie al suo effetto termogenico, ossia accelera la capacità del nostro corpo di bruciare le calorie. Insieme a questo, migliora la circolazione del sangue e la motilità intestinale.
Black pepper
  • Pepe di Cayenna. Si tratta di un peperoncino utile contro raffreddore e tosse, ma soprattutto, come il pepe nero, può migliorare la circolazione sanguigna e la digestione. Secondo alcuni studi effettuati sugli animali, il peperoncino di Cayenna può anche migliorare il metabolismo, favorendo il dimagrimento.
  • Acetil-L-Carnitina. È una forma di L-carnitina, un aminoacido presente in quasi tutte le cellule dell’organismo che ha un ruolo fondamentale nella produzione di energia. È come uno sprint energetico. Per quanto riguarda il processo di dimagrimento, questo aminoacido sembra facilitare l’eliminazione dei grassi rendendoli maggiormente disponibili quando si fa movimento.
  • Cromo. Non tutti lo sanno, ma il cromo è un minerale molto importante per il nostro corpo perché, tra le altre cose, controlla la secrezione di insulina del pancreas affinché ci sia una distribuzione equa dei carboidrati alle nostre cellule. Ha la capacità di far sintetizzare meglio carboidrati e grassi e, sempre per il controllo del peso, sembra influire direttamente sugli ormoni attenuando le ‘voglie’ di dolce.
  • Yacon. Negli ultimi anni questo tubero ipocalorico ricco di sostanze nutritive, è diventato particolarmente popolare, tanto da rientrare nella categoria dei ‘superfood’. Lo yacon è un prebiotico, capace di smorzare il senso della fame ed è in grado di regolare l’insulina nel sangue.
  • Lipasi e proteasi. Sono due enzimi che principalmente aiutano nella digestione dei grassi e inoltre collaborano alla disintossicazione dell’organismo e a migliorare il ricambio cellulare.

REDUSLIM può far dimagrire veramente?

Vista la composizione di REDUSLIM, arriviamo dritti al punto. Può questo integratore essere veramente efficace nel far perdere peso? Non vogliamo “vendere fumo”, quindi prima di dire sì o no, facciamo una dovuta premessa.

Il dimagrimento non è una cosa che avviene per miracolo, né con una compressa né con qualsiasi altro integratore simile. Come si ripete spesso, per perdere davvero peso e per rimanere in forma, serve un’alimentazione adeguata, un costante esercizio fisico e soprattutto continuità nel tempo.

Tuttavia, molte persone potrebbero iniziare un simile percorso con difficoltà. Non riescono a saziarsi, non hanno la giusta energia, fanno fatica a smuovere il metabolismo… È in queste situazioni che un integratore alimentare naturale come REDUSLIM può essere davvero d’aiuto. I suoi ingredienti sono stati appositamente uniti per creare una formula capace di saziare, dare energia, depurare e bruciare i grassi in un’unica capsula.

Questo non vuol dire che se mangi 200 grammi di pasta perdi peso! Vuol dire semplicemente avere una spinta verso i risultati che vuoi raggiungere, con i mezzi che sai di avere a portata di mano (dieta, allenamento e costanza).

Cosa dicono gli studi al riguardo?

La maggioranza degli integratori alimentari non è supportata da studi veri e propri. Non sui singoli prodotti. D’altronde, se esistessero studi, probabilmente avrebbero enormi conflitti di interesse, quindi sarebbe difficile scoprire la realtà dei fatti. Quello che sì esiste però, sono gli studi sui singoli ingredienti di moltissimi prodotti, compresi quelli di Reduslim.

Nella sezione precedente, in cui abbiamo parlato degli ingredienti, abbiamo fatto qualche accenno agli studi. Essenzialmente, il modo migliore per trovare studi autorevoli è andare direttamente su siti come:

  • PubMed
  • Cochrane Library
  • NHS Evidence
  • Trip Database

Sono in inglese, è vero, ma alcuni studi si riescono a capire bene con un buon traduttore online.

Qualche esempio? In uno studio pubblicato su PubMed di marzo 2013, l’estratto di tè verde ha dimostrato di aumentare l’ossidazione dei grassi durante l’esercizio, ma soprattutto a riposo, sia a breve che a lungo termine.

Per quanto riguarda l’Acetil-L-Carnitina, non ci sono studi concludenti sull’efficacia diretta sulla perdita di peso. Tuttavia ne esistono diversi sul suo effetto energetico e brucia grassi, come suggerisce questo studio di aprile 2011 o quest’altro di Novembre 2004.

Ne esistono molti altri anche su tutti gli altri ingredienti, si trovano sempre su questo tipo di siti. Leggendone alcuni, è chiaro che nessuno di essi può fare miracoli da solo. Si tratta di principi attivi che, uniti tutti insieme con un giusto regime alimentare e il movimento fisico, possono migliorare la salute e promuovere il dimagrimento.

È possibile avere altri benefici usando Reduslim?

Assolutamente sì e non perché si tratta di un integratore magico. Come abbiamo visto, i suoi ingredienti collaborano a migliorare la salute non solo grazie alla loro capacità di favorire il dimagrimento. Si può avere più energia, un miglioramento della salute cardiovascolare, un effetto detox e molto altro.

È comunque sempre bene tener presente che gli effetti sono quelli dei singoli ingredienti, quindi niente di eclatante e per funzionare, deve essere sempre mantenuto uno stile di vita salutare.

Esistono testimonianze vere sulla sua efficacia?

Non è semplicissimo trovare vere testimonianze su questo tipo di integratori. Spesso le recensioni che si trovano sono “gonfiate”, troppo belle per essere vere. Tuttavia, siamo riusciti a trovare qualche forum e gruppo estero dove abbiamo letto opinioni contrastanti.

Qualcuno, spesso con poco peso da perdere, si riteneva soddisfatto dei risultati. Altre persone non hanno invece visto nessuna perdita di peso. Altre ancora, la maggioranza, hanno detto di aver perso un po’ di peso, ma non quanto speravano.

Ovviamente non è facile capire cosa ha funzionato in qualcuno e cosa ha fallito in qualcun altro. A volte si prova un prodotto senza nessuna convinzione, senza far nessun tipo di dieta, e dopo una settimana di utilizzo si dichiara semplicemente come ‘inutile’.

Altre volte invece ci possono essere motivi personali per cui non si perde peso pur facendo le cose giuste. E quello può essere il momento in cui un nutrizionista può analizzare meglio le problematiche e le ragioni di uno o più fallimenti.

Quali sono gli effetti collaterali di REDUSLIM?

In generale, gli integratori naturali come REDUSLIM non hanno effetti collaterali se assunti secondo le indicazioni del produttore. Come è ben raccomandato sul sito ufficiale, non deve essere superato il dosaggio consigliato, per non intercorrere in spiacevoli effetti. Alcuni dei suoi componenti infatti, pur essendo di origine naturale, potrebbero dare sintomi come tachicardia o insonnia (come gli effetti collaterali della caffeina) se presi in quantità superiori.

Secondo quanto riportato da qualcuno, tra le recensioni straniere che abbiamo trovato, si possono provare i primi giorni fastidi come mal di pancia o aria. Generalmente passano in qualche giorno, ma se così non fosse, viene consigliato di sospendere l’assunzione di REDUSLIM e riprendere dopo un paio di settimane.

Le nostre conclusioni su REDUSLIM

Dopo le nostre ricerche siamo arrivati alla conclusione che può valer la pena provare un integratore dietetico come REDUSLIM. È giusto non avere aspettative irrealizzabili, perché non esistono prodotti capaci di fare miracoli. Tuttavia, i suoi ingredienti sono riconosciuti anche da studi accreditati per la loro capacità di migliorare la salute e aiutare la perdita di peso.

Se dovessimo dare una votazione a REDUSLIM sarebbe un 7,5. I suoi ingredienti ci hanno convinto e, anche se non è possibile aspettarsi 10 chili in meno solo per aver usato questo integratore, ci sono poche probabilità che faccia male. Quindi perché non dargli una possibilità viste le buone premesse?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here